Paradisoterrestre torna alla Milano Design Week 2018

  • Paradisoterrestre torna alla Milano Design Week 2018 - Armchair-All-Around
  • Paradisoterrestre torna alla Milano Design Week 2018
9 aprile 2018

Dopo il successo dello scorso anno, lo storico marchio ritorna alla Milano Design Week
2018 presentando importanti riedizioni di Kazuhide Takahama e Novello Finotti
insieme ad una nuova collezione disegnata da Pierre Gonalons


Paradisoterrestre, brand ideato dall’eclettico Dino Gavina, tornato alla luce la scorsa Design Week grazie alla grande passione per il design e per l’arte di Gherardo Tonelli, presenta, in occasione del Fuori Salone 2018, oltre ad alcune riedizioni di pezzi storici una nuova collezione. Lo spazio in Porta Venezia quest’anno verrà trasformato in un club anni ‘70 anche grazie alla collaborazione con l’azienda di carta da parati Texturae.

 

Presso lo spazio di Via Sirtori 32/A sarà infatti possibile ammirare: la riedizione del sistema di sedute Marcel, chiaro omaggio all’amico Marcel Duchamp, prodotto nel 1965 da Dino Gavina e disegnato da Kazuhide Takahama; una riedizione limitata della seduta Fausto opera dall’artista Novello Finotti, parte nel 1971 dell’operazione Ultramobile e una nuova collezione di sedute e tappeti, All Around del designer francese Pierre Gonalons.

 

La collezione Marcel sviluppata appunto nel 1965 da Kazuhide Takahama, un nuovo sistema di sedute modulare basato su un’infinità di possibili combinazioni nello spazio, che sfuggiva alla tradizionale definizione di arredo. Ispiratosi alla forma elementare del pouf, Takahama elaborò una serie di elementi complementari che coniugavano esigenze funzionali e figurative, rielaborando sia la forma delle sedute, formate da grandi blocchi di poliuretano sagomati, che quella dei sostegni in alluminio. Il fine del designer giapponese era la ricerca di una qualità duratura e di una forma originale senza tempo. Due le varianti del Marcel che Paradisoterrestre presenterà in occasione della MDW2018: la versione classica, con rivestimento in tessuto di lana sfoderabile Kvadrat, ed una limited edition con tessuto Futuristi disegnato da Pierre Gonalons in collaborazione con l’azienda francese Pierre Frey. Il tessuto nasce da un mix tra il dinamismo del movimento futurista e la grafica dell’arte cinetica, periodi artistici molto cari a Gavina.

 

Il Fausto, piccola seduta in bronzo dalla presenza umanoide, opera dell’artista Novello Finotti, rappresenta in modo esemplare, il concetto di Ultramobile, l’operazione pensata da Dino Gavina nel 1971, nata col fine di adattare un’opera surrealista ad oggetto di uso quotidiano, mantenendo una forte carica ironica da trasferire all’interno della casa. L’opera è proposta in edizione limitata di 100 esemplari, con firma ad incisione dell’artista.

 

La collezione All Around, seconda in ordine di tempo dopo The Other Side, disegnata da Pierre Gonalons per Paradisoterrestre è composta da sedia, poltrona e divani a due e tre posti, oltre a un tappeto presentato in tre varianti colore. Per le sedute Gonalons si è spirato alle rivoluzionarie creazioni ideate per Gavina dal designer giapponese Takahama, straordinari esempi di semplicità, innovazione ed eleganza, provando ad applicare il suo insegnamento, con un piccolo riferimento anche alle mille colonne che caratterizzano la città di Bologna e sostengono i suoi famosi portici cittadini. Le sedute hanno come base una struttura in poliuretano espanso e lo schienale in legno multistrato, sono rivestite in velluto di cotone Kvadrat. Il tappeto All Around in seta e lana di bamboo, nasce da un gioco ottico di colori su forme ovali e sferiche e vuole essere un omaggio alle produzioni di Gavina degli anni ’70, tra surrealismo e pop art.

 

All’interno dello spazio in Porta Venezia, verrà proiettato in anteprima il Movie Paradisoterrestre: una raccolta di interviste, testimonianze, materiale storico dal mondo passato e presente del marchio bolognese.

Sarà inoltre possibile vedere le riedizioni presentate lo scorso Fuori Salone: la lampada Garbo disegnata da Mariyo Yagi nel 1973; di Kazuhide Takahama l’opera in ceramica Elmo, il divano a tre posti e la poltrona Naeko, del 1958, e il divano Mantilla; il duplice omaggio di Gavina a Man Ray, con gli specchi Labbra e Venere; la lampada da tavolo Rue Férou, disegnata da Man Ray nel 1972 e realizzata da Gavina.
Sarà inoltre visibile la collezione The Other Side di Pierre Gonalons, composta da specchi, mobili in marmo e tappeti; il vaso in vetro di Murano Altabella 23 – Portare Acqua al Mare, opera del duo Calori & Maillard ispirata all’architettura dello storico negozio “Gavina” in Via Altabella 23 a Bologna, progettato da Carlo Scarpa nel 1960.